legge basaglia

Fuori Dove?

Concepito come una finestra aperta sulle realtà di vita e il rapporto con il territorio di chi soffre di disagio psichico dopo la chiusura dei manicomi in Italia, l’obiettivo di “Fuori Dove?” è quello di valorizzare l’esperienza delle persone ‘fragili’, creando momenti partecipati in spazi pubblici dal particolare valore simbolico, capaci di coniugare cultura e solidarietà, rivolti a utenti, familiari, volontari, operatori e agli abitanti della città.

Dopo la prima edizione (2008) nata in occasione dei trent’anni dalla legge Basaglia (legge 180), e la seconda (2009) dedicata ai progetti più innovativi centrati sul protagonismo degli utenti psichiatrici nell’inclusione sociale, per il 2010 la nostra idea è di dedicare l’iniziativa alle realtà di riabilitazione e di solidarietà che fanno perno sulla creatività e la valorizzazione della differenza di chi è affetto da disagio: si tratta delle molteplici realtà, che, attraverso diversi mezzi di espressione (con particolare riferimento alla video arte e alla musica), hanno dato vita a spesso sorprendenti iniziative dal forte merito artistico e sociale.

“Fuori dove?” vuole porsi come filo conduttore di una serie di iniziative in grado di trasformare spazi pubblici di particolare valore simbolico (Piazze, Strade, Università, ecc..) in luoghi di conoscenza e di confronto tra i protagonisti della salute mentale e gli abitanti di Milano a partire dall’angolo di osservazione proprio di “Fuori Dove?”, concepito come una finestra aperta sulla realtà di vita e il rapporto con il territorio di chi soffre di disagio psichico dopo la chiusura dell’istituzione manicomiale in Italia.

Artisti coinvolti: Antonio Rezza e Flavia Mastrella, Orchestra di P.zza Vittorio, Orchestra Esagramma, Gianni Berengo Gardin, …, …

Ecco invece l’elenco delle associazioni coinvolte: